torna su

Chiusura estiva 2022

Gli uffici CEI saranno chiusi dal 06 agosto al 21 agosto 2022.

Gli ordini online dal 30 luglio al 31 luglio 2022 saranno movimentati e fatturati con competenza agosto 2022.

Le spedizioni di prodotti e norme cartacee verranno sospese a partire dall'1 agosto e riprenderanno con la riapertura degli uffici CEI il giorno 22 agosto 2022.

PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIENZA – PNRR: IL CONTRIBUTO DEL CEI

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è stato messo a punto dal governo italiano a seguito delle conseguenze della pandemia Covid-19, che ha portato un progressivo declino a livello economico, sociale e ambientale e ha colpito soprattutto le donne e i giovani.

“Dopo una forte discesa tra il 2008 e il 2014, le emissioni pro capite di gas clima-alternati in Italia, espresse in tonnellate equivalenti, sono rimaste sostanzialmente inalterate nel 2019” si legge in Premessa al PNRR per quanto riguarda la questione climatico-ambientale.

Tra le cause del deludente andamento della produttività è citata l’incapacità di cogliere le molte opportunità legate alla rivoluzione digitale, un ritardo dovuto sia alla mancanza di infrastrutture adeguate, sia alla struttura del tessuto produttivo italiano, caratterizzato da una prevalenza di piccole e medie imprese, che sono state spesso lente nel muoversi verso produzioni di più alto valore aggiunto” e non solo: “la scarsa familiarità con le nuove tecnologie digitali caratterizza d’altronde anche il settore pubblico”.

Potenziare le infrastrutture, la sostenibilità e l’innovazione diventa vitale per il nostro Paese, che è tra i primi beneficiari del Programma Next Generation EU (NGEU), il programma europeo di investimenti e riforme indirizzati ad accelerare la transizione ecologica e digitale, migliorare la formazione delle lavoratrici e dei lavoratori e conseguire una maggiore equità di genere, generazionale e territoriale (il 40% circa delle risorse del PNRR sono destinate al Mezzogiorno).

A tale scopo il governo italiano ha predisposto il PNRR che si articola in 6 Missioni (e 16 Componenti), individuando settori strategici precisi (quali reti digitali, energia e porti) e temi portanti (sviluppo e mobilità sostenibile, ambiente e clima, idrogeno, automotive), in sintesi:

Il Comitato Elettrotecnico Italiano, in qualità di ente nazionale riconosciuto dallo Stato per la normazione del settore elettrotecnico, elettronico e delle telecomunicazioni, è chiaramente coinvolto in prima linea sul fronte delle attività di produzione e aggiornamento delle norme necessarie alla funzionalità, sicurezza ed efficienza di sistemi, impianti e tecnologie del settore, anche in qualità di rappresentante negli organi di normazione europea (CENELEC) ed internazionale (IEC) a supporto dello sviluppo della normativa anche a livello sovranazionale e della rappresentanza degli interessi dell’industria e della produzione made in Italy.

Missione 1: Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura

Quota Recovery Plan = 46,18 mdl/€  

Primo obiettivo è la modernizzazione digitale delle infrastrutture di comunicazione del Paese, nella Pubblica Amministrazione, nel Sistema Produttivo e nei settori turismo e cultura. Basa le sue radici sullo sviluppo delle reti a banda ultra-larga (fibra FTTH, FWA e 5G), la “gigabit society”.

Componenti:

  • Digitalizzazione, innovazione e sicurezza nella Pubblica Amministrazione

In primis modernizzazione e digitalizzazione della PA (infrastrutture digitali, gestione dati e interoperabilità, servizi e piattaforme, cybersecurity e competenze digitali), del lavoro agile e del capitale umano in direzione di una PA più snella, semplice e connessa. Questa area comprende anche l’innovazione organizzativa della Giustizia e il supporto per l’uso di tecnologie e pagamenti digitali.

  • Digitalizzazione, innovazione e competitività del sistema produttivo

Comprende: transizione 4.0, supporto alla tecnologia dei microprocessori, supporto di banda larga, 5G e monitoraggio satellitare, nonché ai programmi di internazionalizzazione.

  • Turismo e cultura 4.0

Sviluppo del settore turistico e accessibilità ai siti turistico-culturali, comprese le aree rurali e le periferie metropolitane, i servizi turistici e di imprese creative e culturali, la valorizzazione del patrimonio storico e artistico e il miglioramento delle strutture ricettive.

Comitati tecnici collegati

  • CT 65 Misura, controllo e automazione nei processi industriali
  • CT 86 Fibre ottiche
  • CT 100/103 Sistemi e apparecchiature audio, video, multimediali e per radiotrasmissioni
  • CT 108 Sicurezza delle apparecchiature elettroniche per tecnologia audio/video, dell’informazione e delle telecomunicazioni
  • CT 306 Interconnessione di apparecchiature per la comunicazione elettronica
  • CT 309 Componentistica elettronica
  • CT 321 Smart Manufacturing-Industria 4.0
  • Tavolo di Confronto Cybersecurity

Altre attività del CEI

MYEVENTI: Eventi, convegni e seminari gratuiti (in presenza e in diretta streaming)
MYCORSI: Formazione (corsi di formazione a pagamento, in presenza ed e-learning)


Missione 2: Rivoluzione verde e transizione ecologica

Quota Recovery Plan = 68,90 mdl/€

Obiettivo di Sviluppo Sostenibile a livello mondiale, include la lotta al cambiamento climatico e all’inquinamento atmosferico e ambientale, comprende le energie rinnovabili e lo sviluppo di un’economia circolare (rifiuti elettrotecnici, raccolta differenziata, smaltimento, riciclo e rigenerazione).

Componenti:

  • Agricoltura sostenibile ed economia circolare

Nell’ottica di un’economia circolare comprende investimenti nell’agricoltura sostenibile e in una migliore gestione dei rifiuti, compresi quelli elettrici ed elettronici già regolati da apposite Direttive europee (REACH, RoHS, Ecodesign, …).

  • Transizione energetica e mobilità sostenibile locale

Implementare e supportare la produzione e distribuzione di energie rinnovabili e sostenere la filiera industriale legata alle rinnovabili; potenziare e digitalizzare le infrastrutture della rete elettrica. Rientrano in quest’area le misure per la produzione, distribuzione e uso di idrogeno verde e la promozione della mobilità sostenibile.

  • Efficienza energetica e riqualificazione degli edifici

Riqualificazione strutturale degli edifici, con particolare riferimento a quelli scolastici e ospedalieri, per una edilizia residenziale e pubblica più sicura, tecnologica, digitale e sostenibile. Altro aspetto molto importante riguarda l’efficientamento energetico degli edifici e delle aree metropolitane (classificazione energetica estesa alla normativa CEI per componenti e apparecchiature, quali ad es. elettrodomestici).

  • Tutela del territorio e della risorsa idrica

Ridurre le perdite nelle reti idriche, migliorare l’approvvigionamento idrico e implementare fognature e depurazione, migliorare la gestione del rischio alluvioni e ridurre il rischio idrogeologico e la gestione forestale sostenibile.

Comitati tecnici collegati

  • CT 4/5 Motori primi idraulici e turbine a vapore
  • CT 8/123 Aspetti di sistema per la fornitura di energia elettrica e la gestione delle infrastrutture
  • CT64 Impianti elettrici utilizzatori di bassa tensione
  • CT 69 Sistemi elettrici di trasferimento energia per veicoli stradali ed industriali (industrial trucks) alimentati elettricamente
  • CT 82 Sistemi di conversione fotovoltaica dell’energia solare
  • CT 88 Sistemi di generazione da fonte eolica
  • CT 105 Celle a combustibile
  • CT 111 Aspetti ambientali di prodotti elettrici ed elettronici
  • CT 114 Energia marina – Convertitori di energia da onde, maree e altre correnti d’acqua
  • CT 117/126 Centrali Solari Termodinamiche e Sistemi di generazioni binarie
  • CT 120 Sistemi di accumulo di energia
  • CT 312 Componenti e sistemi elettrici ed elettronici per veicoli elettrici e/o ibridi per la trazione elettrica stradale
  • CT 313 Smart Energy
  • CT 315 Efficienza energetica
  • CT 316 Connessione alle reti elettriche di distribuzione Alta, Media e Bassa Tensione
  • Tavolo di confronto E-Mobility
  • Tutti i CT di componenti elettrici

Missione 3: Infrastrutture per una mobilità sostenibile

Quota Recovery Plan = 31,98 mdl/€

Questa missione mira a costruire, entro il 2026, un sistema infrastrutturale più moderno, digitale e sostenibile. Comprende l’obiettivo di decarbonizzazione e riduzione delle emissioni attraverso il trasferimento del traffico passeggeri e merci dalla strada alla ferrovia e lo sviluppo di una catena logistica integrata.

Componenti:

  • Rete ferroviaria ad alta velocità/capacità e strade sicure

Potenziamento delle infrastrutture ferroviarie per la mobilità e connessione veloce del Paese, sviluppo infrastrutturale e tecnologico di nodi e linee ferroviarie, inclusi i sistemi di controllo e monitoraggio dinamico per migliorare autostrade e interventi su ponti, viadotti e gallerie. Altri finanziamenti riguarderanno le smart road e la digitalizzazione delle strade.

  • Intermodalità e logistica integrata

Sviluppo di progetti portuali e di navigazione fluviale, miglioramento di porti e intermodalità di trasporti.

Comitati tecnici collegati


Missione 4: Istruzione e ricerca

Quota Recovery Plan = 28,49 mdl/€

Si pone due obiettivi principali: da un alto, colmare in misura significativa le carenze strutturali, quantitative e qualitative che oggi caratterizzano l’offerta di servizi di istruzione, educazione e formazione nel nostro Paese e, dall’altro, rafforzare i sistemi di ricerca e la loro interazione con il mondo delle imprese e delle istituzioni.

Componenti:

  • Potenziamento dell’offerta dei servizi di istruzione dagli asili nido alle università

Oltre all’ampliamento in termini quantitativi di strutture di istruzione e formazione, questo obiettivo contempla, per quanto riguarda le attività più attinenti alle competenze CEI, la riqualificazione dell’edilizia scolastica e l’ammodernamento delle strutture scolastiche a livello tecnologico (ad esempio, cablaggio e didattica digitale).

  • Dalla ricerca all’impresa

Supporto all’innovazione e al trasferimento di tecnologia, rafforzamento di iniziative di partenariato per la ricerca e per contrastare la “fuga di cervelli” dal nostro Paese e incentivare le giovani start-up made in Italy.

Comitati Tecnici collegati

  • CT 64 Impianti elettrici utilizzatori di bassa tensione (fino a 1000 V in c.a. e a 1500 V in c.c.)
  • CT 205 Sistemi bus per edifici

Altre attività CEI


Missione 5: Inclusione e Coesione

Quota Recovery Plan = 27,62 mdl/€

Riprende alcuni degli obiettivi per uno sviluppo sostenibile ponendo l’accento soprattutto sui tre obiettivi descritti dai componenti di intervento di quest’area.

Componenti:

  • Politiche per il lavoro

Riguarda principalmente lo sviluppo di centri per l’impiego e per l’imprenditorialità femminile.

  • Infrastrutture sociali, famiglie, comunità e terzo settore

Rafforzamento dei servizi sociali, piani di intervento per vulnerabilità e rigenerazione aree urbane integrate per periferie e housing sociale.

  • Interventi speciali per la coesione territoriale

Si concentreranno sulle zone colpite da disastri naturali (ad es. terremoti, alluvioni), ma anche sulle esigenze specifiche delle aree interne e montane. Tra gli altri dovrebbe rientrare in questa voce anche il Piano energia per la Sardegna e le piccole isole.

Comitati Tecnici collegati

  • CT 64 Impianti elettrici utilizzatori di bassa tensione (fino a 1000 V in c.a. e a 1500 V in c.c.)
  • CT 317 Smart cities

Altre attività del CEI

MYEVENTI: Eventi, convegni e seminari gratuiti (in presenza e in diretta streaming)
MYCORSI: Formazione (corsi di formazione a pagamento, in presenza ed e-learning)


Missione 6: Salute

Quota Recovery Plan = 19,72 mdl/€

Al centro di questa tematica ci sono due componenti essenziali descritti nel seguito. Il contributo della normativa CEI si ascrive in funzione della sicurezza degli impianti elettrici nelle strutture e nei locali adibiti ad uso medico e nella normazione per le apparecchiature elettromedicali.

Componenti:

  • Reti di prossimità, strutture e telemedicina per l’assistenza sanitaria territoriale

È incentrato sul potenziamento dell’assistenza sanitaria, sulla rete territoriale su salute, ambiente e sicurezza alimentare.

  • Innovazione, ricerca e digitalizzazione del servizio sanitario nazionale

Elementi essenziali dell’ammodernamento del sistema sanitario, assieme a ricerca, digitalizzazione, trasferimento tecnologico e potenziamento della formazione del personale.

Comitati Tecnici collegati

  • CT 64 Impianti elettrici utilizzatori di bassa tensione (fino a 1000 V in c.a. e a 1500 V in c.c.)
  • CT 62 Apparecchiature elettriche per uso medico
  • CT 318 Active Assisted Living (AAL)
  • SC 309A Tecnologia per l’assemblaggio elettronico e dispositivi

Altre attività CEI

CEI 64-21 “Ambienti residenziali – Impianti adeguati all’utilizzo da parte di persone con disabilità o specifiche necessità”
Si tratta di un’avanguardia di norma di origine italiana che considera, per la prima volta, le prescrizioni specifiche per gli impianti elettrici delle abitazioni delle persone con esigenze particolari, legate per esempio, all’età avanzata o disabilità. Nata come Specifica Tecnica nel, nel 2021 diventerà una Norma.

CEI 64-56Edilizia ad uso residenziale – Guida per l’integrazione degli impianti elettrici utilizzatori e per la predisposizione di impianti ausiliari, telefonici e di trasmissione dati negli edifici – Criteri particolari per locali ad uso medico”
Integra le prescrizioni della norma base per la sicurezza CEI 64-8, entrambe le Norme sono in aggiornamento nel 2021.