Creato: Mercoledì, 03 Febbraio 2021 15:11
Ultima modifica: Martedì, 08 Giugno 2021 09:38
Pubblicato: Mercoledì, 03 Febbraio 2021 15:11

Cos'è il Tavolo di Confronto?

Per far fronte sempre di più alle esigenze dei propri stakeholder, il CEI ha recentemente istituito una nuova modalità di collaborazione tra esperti, che si va ad affiancare ai Comitati e SottoComitati Tecnici CEI: il Tavolo di Confronto (TdC).


Qual è il suo scopo?

In un’ottica di sistema, il Tavolo di Confronto CEI ha lo scopo di facilitare lo scambio di informazioni tra i diversi soggetti al fine di identificare le esigenze di standardizzazione di uno specifico settore.

Il TdC – che non ha compiti di sviluppo normativo – avrà un collegamento diretto con i Comitati Tecnici preposti allo sviluppo delle norme, gli Enti di normazione internazionali (IEC e CENELEC), le Istituzioni e le principali Associazioni del settore.

Al Tavolo partecipano esperti designati dai Soci CEI, rappresentanti dei diversi Comitati Tecnici, delle Istituzioni e delle Associazioni.



Tavoli di confronto attualmente attivi

Tavolo di Confronto CEI TdC 1 “E-Mobility”

Il primo Tavolo di Confronto creato all’interno del CEI è il TdC “E-Mobility” che avrà l’obiettivo di coordinare i diversi attori intorno al tema della mobilità elettrica al fine di identificare le diverse necessità in chiave normativa.
In particolare, il Tavolo è collegato ai seguenti Comitati Tecnici CEI:


Il TdC CEI “E-Mobility” garantirà inoltre il collegamento con:

Il TdC CEI “E-Mobility” garantirà inoltre il collegamento con il network di AVERE (https://www.avere.org/), l’Associazione europea per l’elettromobilità, organizzata in 16 Sezioni Nazionali con oltre 1.000 operatori industriali e istituzionali.



Tavolo di Confronto CEI TdC 2 “Cybersecurity”

Il Tavolo di Confronto TdC 2 "Cybersecurity" ha l’obiettivo di facilitare il confronto tra i diversi attori intorno al tema della sicurezza informatica al fine di identificare le diverse necessità in chiave normativa.

Lo scopo di qualsiasi strategia di sicurezza informatica è proteggere il maggior numero di risorse possibili e in particolar modo le più importanti. La Cybersecurity costituisce una tematica chiave in un mondo sempre più interconnesso, in cui la trasformazione digitale ha un impatto sulle attività quotidiane di cittadini e imprese.

In quanto tematica orizzontale, la normazione relativa alla sicurezza informatica è strutturata a più livelli. Il Comitato Tecnico congiunto ISO/IEC JTC1 ha sviluppato la serie di Norme ISO/IEC 27000 per i sistemi informatici (IT), mentre il Comitato Tecnico IEC 65 (TC 65) ha pubblicato la IEC 62443 per le tecnologie operanti nelle infrastrutture industriali e critiche, inclusi i sistemi e gli impianti di alimentazioni, sistemi di gestione dell’acqua, assistenza sanitaria e sistemi di trasporto. Queste norme orizzontali, note anche come “norme di base”, sono indipendenti dalla tecnologia e possono essere applicate in molte aree tecniche. A queste si aggiungono le norme verticali, che sono progettate per soddisfare esigenze tecniche specifiche, ad esempio nel settore energetico, manifatturiero, sanitario o marittimo.

Diversi Comitati Tecnici e SottoComitati predispongono norme internazionali che proteggono domini specifici e mantengono al sicuro le risorse del settore e delle infrastrutture . In particolare, il TdC 2 “Cybersecurity” è collegato ai seguenti Comitati Tecnici CEI:



Per informazioni inviare una e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.