Seminario “Le novità sulle infrastrutture di rete dati: liberalizzazione degli allacciamenti, nuove norme tecniche, tendenze di mercato” - Milano, 30 ottobre 2014

Si terrà a Milano il prossimo 30 ottobre il primo di una serie di seminari organizzati dal CEI – Comitato Elettrotecnico Italiano in collaborazione con Schneider Electric, specialista globale nella gestione dell’energia.

Il primo di questi appuntamenti sarà incentrato sul tema dei sistemi di cablaggio strutturato. Seguiranno poi altri incontri nelle principali città italiane che affronteranno argomenti diversi: energia e infrastrutture, processi industriali, building automation, data center e applicazioni residenziali.

Oggi, le evoluzioni tecniche e legislative delle soluzioni impiantistiche delle infrastrutture di rete (cablaggio strutturato) risultano più che mai importanti e vitali per qualsiasi ambito, in quanto la connettività, e quindi la comunicazione delle apparecchiature, è ormai un elemento imprescindibile per rendere qualsiasi prodotto realmente utilizzabile.

La mezza giornata formativa di Milano si aprirà con una relazione dedicata alle recenti prescrizioni legislative in materia di reti di comunicazioni elettroniche, seguita poi da una relazione dedicata alla progettazione, realizzazione e collaudo di queste reti.

La terza relazione si soffermerà sulle implicazioni del Wi-fi PoE (Power over Ethernet) sulle scelte relative al cablaggio strutturato. Infine, un intervento sul rack, un sistema standard d'installazione fisica di componenti hardware a scaffale.

Le relazioni saranno accompagnate dalla presentazione di prodotti e soluzioni Schneider per il cablaggio strutturato.

L’appuntamento di Milano si terrà il 30 ottobre presso la Sala Congressi dello Starhotel Ritz in via Lazzaro Spallanzani 40. Il ciclo di seminari farà poi tappa a Bari il 14 novembre.

La partecipazione è gratuita, previa iscrizione on line compilando la scheda dal sito CEI www.ceiweb.it alla voce “Eventi” > “Seminari e Altri Convegni”, o via e-mail entro il 28 ottobre all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.